© 2019 All rights reserved. Maurizio Masotti.

Tracce Migranti – Nuovi paesaggi umani al Festival delle Migrazioni di Torino

 

Dal 25 al 29 settembre si è tenuta a Torino la seconda edizione del Festival delle Migrazioni: cinque giornate dense di spettacoli, concerti, workshop, incontri e convivialità a cui siamo stati invitati a partecipare.

 

La nostra mostra è stata allestita nel magnifico complesso di San Pietro in Vincoli, location di molti eventi durante il festival, fra cui la Cena delle Cittadinanze di sabato 28, a cui hanno partecipato più di cinquecento persone dando vita ad un momento straordinario di condivisione.

 

Il Festival, organizzato da Acti Teatri Indipendenti, Almateatro e Tedacà e diretto da

 

Gabriella Bordin, Suad Omar (che ringraziamo per l’interesse e per l’invito), Beppe Rosso, Vesna Scepanovic e Simone Schinocca ha sapientemente alternato incontri di riflessione politica e sociale aperti al dibattito a spettacoli dal vivo, musica e danza.

 

Negli stessi giorni era in svolgimento anche Torino spiritualità e alcuni eventi si sono svolti in collaborazione. Ad esempio: “Dispacci dal margine: periferie, fantasmi, penombre” con il regista Ascanio Celestini e il filosofo Simone Regazzoni o “Ospiti dell’umano che è in noi e negli altri”, incontro fra Luciano Manicardi (priore di Bose) e Brahim Baya (Associazione islamica delle Alpi), entrambi nella splendida cornice della Scuola Holden.

 

A distanza di qualche giorno restano vivi nella memoria di chi scrive alcuni momenti molto forti.

Ad esempio: “Cos’è cambiato nell’ultimo anno ?”, una riflessione di Domenico Quirico (giornalista “La Stampa”), Marco Revelli (storico, sociologo, giornalista) e Marco Tarquinio (direttore di Avvenire) che ha riportato il focus sulla responsabilità della politica nella costruzione del “migrante nemico” e dei media per quanto attiene alla percezione dei fatti narrati.

 

E ancora: “La sfida nella sfida: donne, migrazioni e dialogo interreligioso in Europa” ha concentrato l’attenzione sulla parità di genere e sulla necessità di dare voce all’universo femminile sul tema delle migrazioni, mettendo a confronto Gaelle Courtens (giornalista per RSI e per voceevangelica.ch), Suad Omar (mediatrice interculturale e attivista italo-somala), Elly Schlein (politica ed ex parlamentare europea) e Ada Treves (giornalista per Pagine Ebraiche e La Stampa).

 

La partecipazione è stata straordinariamente numerosa: il pubblico era composto anche da molti giovani, italiani e non, operatori e studiosi, in una varietà e commistione che ha arricchito di scambi e confronti le dense giornate.

 

p.s. Un grazie di cuore a Sara, Giulia, Raffaele e Adriano, nostri efficaci assistenti in loco.

 

 

Please reload

Stay Up-To-Date with New Posts

Search By Tags

Please reload

Recent Posts

December 31, 2019

November 27, 2019

Please reload

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now